Comprendere il dolore incoraggia i comportamenti sani

da “Strategie di recupero”, Dr. Greg Lehman

Alcuni argomenti si ripeteranno in questo blog, ma quello “che più risalterà è che puoi gestire il tuo dolore, gestire i tuoi infortuni e addirittura eliminare il dolore con le tue capacità e con l’aiuto del fisioterapista. L’educazione e la conoscenza sono i primi passi per risolvere la tua condizione dolorosa.

Il dolore è senza dubbio strano. Non è mai semplicemente una misura di quanto il tuo corpo è danneggiato. È influenzato invece da molti aspetti della tua vita… il tuo corpo è solamente uno di questi.

Quello che abbiamo imparato in questi anni è che comprendere il dolore e gli infortuni può aiutarti a compiere quelle azioni che ti aiuteranno con il recupero. Alcune di queste azioni potrebbero essere non intuitive e difficili da capire se non comprendi completamente ciò che il dolore rappresenta. Per esempio, molte persone potrebbero pensare che il dolore indichi la necessità di interrompere tutto quello che stanno facendo nella loro vita e che il continuare a svolgere alcune attività potrebbe aggravare il danno. Esistono dei rari casi in cui questo è vero, ma spesso il riposo e interrompere le attività sono l’opposto di quello di cui hai bisogno. Se hai dolore o sei infortunato, potrebbe essere indicato continuare a stare in movimento, fare esercizi o riprendere i tuoi hobby.

Il dolore è un allarme che ha lo scopo di proteggerti

Questo è lo scopo di un allarme. Gli allarmi hanno lo scopo di indurci a fare qualcosa. Questo è in definitiva il motivo per cui proviamo dolore. È il nostro modo speciale di motivarci ad agire.

Quando la tua mano si avvicina al fuoco sentirai dolore e (in molti casi prima di sentire dolore) allontanerai la tua mano dal fuoco. L’allarme si accende e prova a proteggerti.

Se hai una distorsione ad una caviglia, sentirai dolore quando la muovi, Inizialmente, per favorire la guarigione, l’allarme è molto utile e ci dice di ridurre il cammino e il carico sulla caviglia.

Il dolore è poco correlato al danno

  • Il 96% degli atleti con meno di 22 anni mostra dei cambiamenti alla risonanza magnetica che alcune persone definiscono “anomalie”. Ma dato che sono presenti in tutte le persone, quanto possono essere davvero delle “anomalie”? (Rajaswaran, 2014)
  • Il 37% dei ventenni senza dolore ha una degenerazione discale nella colonna vertebrale (Brinjikji, 2015)
  • Il 57% dei soggetti di 20-50 anni senza alcun dolore all’anca presenta alterazioni della cartilagine e dei legamenti (Tresch, 2016)

Perché questo è importante?

Se hai dolore, c’è una buona probabilità che ti sia stato detto che è stato trovato qualcosa negli esami strumentali. Una lesione, una protrusione, una tendinopatia o una degenerazione. Il fatto è che questo è normale. È ciò che succede perché sei un essere umano, ma non sempre queste cose provocano dolore. In alcuni casi, ma non sempre, sono rilevanti, ma non giustificano completamente la presenza del dolore. I cambiamenti del tuo corpo sono solamente un fattore del dolore. Per aiutarti nel recupero, devi considerare tutti i fattori che ti rendono più sensibile e le cose che puoi fare per tollerarli.

Quante persone con più di 20 anni mostrano segni di usura o alterazioni dei muscoli e dei legamenti alle radiografie e alla risonanza magnetica?

Il dolore acuto è più correlato al danno, ma anche in questo caso non ci dice molto sul danno. Ci sono persone che si fratturano un osso, si lesionano un legamento o si danneggiano un muscolo senza avere alcuno dolore. Al contrario, puoi avere un infortunio lieve e sentirti limitato per giorni. Ricorda, il dolore è strano. È un allarme che suona spesso in modo sproporzionato rispetto a ciò che senti.

Il corpo è importante quando c’è dolore, ma non è tutto. Ricordati che abbiamo la capacità stupenda di adattarci e tollerare. Questo significa che possiamo danneggiare un muscolo, provare dolore per un breve periodo e poi o guarire o migliorare la muscolatura circostante, dimenticando così di aver subito quell’infortunio.

La stessa cosa accade con ciò che chiamiamo tendinite. Il tendine può lentamente danneggiarsi con il passare del tempo e se esegui una risonanza magnetica probabilmente ti diranno che hai una tendinopatia. Ma puoi anche non avere alcun dolore. È normale avere questi cambiamenti nei muscoli, nei tendini, nelle ossa e nelle articolazioni.

Sei forte e stabile per natura.

Sapevi che la colonna vertebrale in media può sostenere più di 900 kg? E che le attività fisiche più impegnative che facciamo sono molto inferiori alla soglia in cui i tessuti si danneggiano?

Tuttavia alla maggior parte delle persone che hanno dolore viene detto che sono deboli, rigide, fragili o instabili. E per la maggior parte di queste persone, queste affermazioni sono false o solamente in parte vere, probabilmente irrilevanti per il dolore che provano.

La forza non ci spiega il dolore. Gli esseri umani sono adattabili per natura. Ti adatti quando hai dolore e puoi adattarti per liberarti dal dolore.  Tutti gli esseri umani hanno questa capacità innata di adattarsi. Puoi adattarti fino a quando non sarai morto.

L’esercizio, l’attività fisica e tutto ciò che ti rende più forte possono essere utili per il dolore.

Quando hai dolore, la tolleranza all’attività fisica o ad altre attività impegnative può cambiare. Ti sensibilizzi e le attività che prima erano facili possono diventare difficili e dolorose. Per molte persone, il riposo e la sospensione delle attività e delle situazioni impegnative e stressanti determinano un peggioramento della sensibilizzazione. La soglia del dolore e la capacità di tollerare gli stress si abbassano. Per aumentare la tolleranza alle attività che provocano dolore è necessario sottoporsi di nuovo agli stress. In modo tale da costruire lentamente la tua resilienza. Ridurre la sensibilità. Puoi riuscirci perché hai la capacità di adattarti. Ricorda, non sei morto.

L’esercizio, il movimento, la ripresa delle attività importanti, la comprensione del dolore e modificare le attività aggravanti (abitudini errate) possono aiutarti a cambiare, perché coinvolgono i fattori stressanti. Ricorda solo una cosa: l’adattamento richiede tempo. Se hai dolore da tanto tempo, ti sarai adattato lentamente nel corso degli anni. È importante avere pazienza e sapere che i miglioramenti possono essere veloci oppure graduali.